Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1990 03 14 * madri coraggio - Incidenti in Piazza Montecitorio. Bruciato lo striscione antiproibizionista dalle madri coraggio. Dichiarazione dei parlamentari Negri, Teodori e Vesce.

Da questa mattina alle 8.30 ogni deputato identificato in Piazza Montecitorio come dissenziente dal pdl sulla droga subisce pressioni e insulti.

Manifestare le proprie opinioni è un pieno diritto di ciascuno, aggredire violentemente chi ha idee diverse non è un diritto.

Nel pieno rispetto delle ragioni di tutti coloro che sono colpiti dal flagello della droga, abbiamo ritenuto che dovesse essere altrettanto pienamente tutelato il diritto dei dirigenti e dei militanti del CORA (coordinamento radicale antiproibizionista) che intendevano manifestare serenamente le motivazioni e le proposte antiproibizioniste sulla droga.

Abbiamo perciò affiancato Maurizio Turco (tesoriere), Elio Vito (vicesegretario), Paolo Pietrosanti (direttore di N.R.) e gli altri militanti del CORA nel tentativo di aprire uno striscione.

Siamo stati aggrediti, è stato strappato lo striscione che è stato subito bruciato in piena piazza. Questo ennesimo episodio di violenza (la settimana scorsa a Napoli i militanti del CORA sono stati assaliti buttando all'aria tavoli e sedie) è inaccettabile.

Siamo immediatamente intervenuti in aula e abbiamo posto al Presidente della Camera il problema dell'ordine pubblico sulla piazza di Montecitorio. In tal senso auspichiamo che vi sia un tempestivo intervento.