Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1999 11 15 * DROGHE * Il Turapensiero sulle droghe è da stato etico.

Tura fa di ogni erba un fascio, così ripudiando il giuramento di Ippocrate dell'agire secondo scienza e coscienza.
Tura sceglie la scorciatoia del moralismo a buon mercato, che è quanto di più lontano dalla moralità e da quello che i cittadini hanno dimostrato di volere nel 1993 con il referendum.
Non è escluso che circolino sondaggi drogati che stordiscano anche il più irreprensibile.
Ma il parere di Tura probabilmente non è fondato sui sondaggi, sicuramente non lo è sui dati medico scientifici disponibili: il pensiero di Tura sulle droghe è molto semplicemente fondato sulle sue convinzioni etiche. Che rispettiamo in quanto tali. Non in quanto legge dello Stato. Lo Stato etico porta inevitabilmente al Turapensiero sulle droghe. E Parisi per quale Stato è?