Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2000 07 24 * immigrazione - La libertà di scegliere dove e come vivere non è reato.

"L'ennesimo episodio di guerra che vede contrapposte forze dell'ordine ed immigrati clandestini va ascritto al fallimento della politica dell'Unione europea nei rapporti con i paesi terzi.
Rapporti che puntano alla circolazione dei capitali e delle merci ma non delle persone. Di fronte a questa contraddizione l'Unione Europea risponde con il proibizionismo sulla migrazione, utilizzando la repressione che dei proibizionismi è lo strumento di governo. Non a caso i trafficanti di sostanze illegali sono gli stessi trafficanti di immigrati clandestini.
E' solo riconcependo i rapporti con i paesi terzi e regolamentando la libertà di circolazione che sarà possibile governare nel modo migliore le migrazioni.
La libertà di scegliere dove e come vivere non è un reato visto che, di per se, non causa vittime".