Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2001 07 11 *  antifrode ue * La direzione C si occuperà di intelligence e sarà diretta da un alto ed autorevole funzionario britannico. Il Parlamento europeo deve avere i poteri per esercitare un effettivo e diretto controllo democratico.

E' urgente che sulla ristrutturazione interna dell'OLAF sia fatta al più presto chiarezza.

Se la direzione C si dovrà occupare di "intelligence" è bene che i contorni di questa attività siano specificati e definiti nei minimi dettagli e sarà necessario si provveda ad istituire una specifica azione di controllo da parte del Parlamento europeo unico soggetto eletto democraticamente nell'ambito istituzionale. Infatti la definizione completa della Direzione C "Intelligence, strategie operative e tecnologie dell'informazione" desta più di qualche comprensibile preoccupazione.

A ciò si aggiunga che il responsabile sarà Nick Ilett, ex-direttore dell'International Finance Directorate, al ministero britannico delle Finanze e che fino qualche settimane fa era consigliere per gli affari economici e finanziari alla rappresentanza permanente del Regno Unito presso l'UE.