Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2001 12 07 * droghe * Arlacchi è stato prorogato anziché licenziato ... per consentire la sua sostituzione con un uomo gradito ai vertici Onu.

"E' molto probabile che il quotidiano "La repubblica" abbia ragione e il Direttore dell'ufficio Antidroga dell'Onu possa diventare un funzionario onusiano di lungo corso, di alto grado e di fiducia dei vertici dell'ONU. Sempre secondo "La Repubblica" il nuovo Direttore che dovrebbe sostituire Arlacchi potrebbe essere Patrizio Civili (oggi assistente di uno dei Vice Segretari Onu). Prima di Civili sarebbe stato interpellato Giandomenico Picco, anche lui funzionario Onu, che ha gentilmente rifiutato.

Se cosi' fosse il profilo del candidato sarebbe chiarissimo. E' necessario un funzionario onusiano, di nazionalità italiana, affidabile e che conosce la macchina amministrativa. Un funzionario del genere che faccia dimenticare Arlacchi che ricominci da zero e soprattutto che non si impicci del passato.

Ad esempio non si deve impicciare di sapere che fine ha fatto il dossier denominato "Boat Project" redatto dall'Organo di controllo interno delle Nazioni Unite (Office of Internal Oversight Services, OIOS). Da oltre sei mesi è "secretato" a causa della gravità delle accuse in esso contenute.

Ma se le accuse sono cosi' gravi da secretare il dossier non si capisce perché Arlacchi non solo è ancora al suo posto ma gli è stata concessa una breve proroga, quanto basta per cancellare con un colpo di spugna il passato e le critiche dell'OIOS.

A differenza dei dirigenti delle Nazioni Unite noi crediamo che il passato deve essere analizzato perché in futuro non vi siano più dossier come questo.

E nemmeno ordini di servizio come sono stati firmati in questi anni dal Direttore dell'agenzia antidroga delle Nazioni Unite.

Uno di questi ordini di servizio, relativo al progetto "Boat Project" sarà inserito in rete sui siti www.radicali.i e www.radicalparty.org a partire dalle ore 15 di oggi.