Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2002-07-18_giustizia

GIUSTIZIA
41 BIS:LA SUA STABILIZZAZIONE VIOLA NON SOLO DIRITTI UMANI FONDAMENTALI MA ANCHE LO STATO DI DIRITTO

Roma, 18 luglio 2002 - "Con questa decisione la Commissione antimafia propone di legalizzare stabilmente una pratica di detenzione -anche al di fuori dei periodi di emergenza- le cui finalità sono classificate dalle convenzioni internazionali con il nome di tortura. I dubbi sulla costituzionalità di una norma che sospenda indefinitivamente per alcuni detenuti diritti fondamentali garantiti a tutti gli altri, sono stati già chiaramente espressi dalla Corte Costituzionale con la sentenza del 1997. Se la proposta della Commissione antimafia dovesse divenire legge dello stato e questo rospo giuridico dovesse poi essere ingoiato dalla Corte Costituzionale, non resterà che denunciare davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo questa violenza cieca esercitata non solo contro i diritti umani fondamentali delle persone sottoposte al 41 bis, ma contro i fondamenti dello Stato di Diritto".