Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2002-09-13_vaticano

VATICANO
VATICANO/RICICLAGGIO DI DENARO : QUANDO IL DIAVOLO FA PENTOLE E COPERCHI

Risposta della Commissione Europea all'interrogazione parlamentare presentata da Maurizio Turco su "Euro - Lo Stato della Città del Vaticano (SCV) e il riciclaggio di denaro sporco":
"La Commissione non è a conoscenza di alcuna legge antiriciclaggio in vigore nello SCV. E' vero tuttavia che, come osserva l'onorevole parlamentare, l'unica banca operante nello SCV, l'Istituto per le Opere di Religione, è anche la Banca centrale. Di conseguenza, non esistendo un settore commerciale finanziario nello SCV, il campo d'applicazione delle normali misure antiriciclaggio che includono il sistema finanziario sarebbe necessariamente limitato. Alla Commissione non risulta che il sistema bancario, economico e finanziario dello SCV sia stato oggetto di verifiche da parte di organismi internazionali."

Roma, 13 settembre 2002 - Dichiarazione di Maurizio Turco, Presidente dei Deputati radicali al Parlamento europeo:
"Dalla risposta della Commissione europea risulta che lo Stato Città del Vaticano è l'esempio di uno Stato che, secondo le norme antiriciclaggio degli organismi internazionali, non potrebbe nemmeno essere inserito nelle "liste nere". Una architettura diabolica in confronto alla quale i paesi offshore sembrano dei santuari di trasparenza. Fosse il regno di Satana diremmo che in campo finanziario ha fatto pentole e coperchi, essendo il Vaticano tutti tacciono. Ci si consenta di dubitare che questo accada per pio rispetto religioso."