Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2002-10-22_giustizia

GIUSTIZIA
IL LAGER DI UGENTO E LA LEGGE A LECCE

Strasburgo, 22 ottobre 2002 - "L'Assessore ai Servizi Sociali della Regione Puglia Salvatore Mazzaracchio ha reso pubblico che la comunità-lager di Ugento "non è iscritta nell'apposito albo regionale" e quindi "non era abilitata a svolgere attività per l'assistenza ai minori".
Da questa verità conseguono alcune riflessioni logiche.

La prima, quasi banale, è relativa ai mancati controlli.

La seconda è invece davvero preoccupante. Com'è stato possibile che un Tribunale abbia affidato dei bambini a un istituto fuorilegge. Ovvero, un istituto che non è presente nello specifico albo regionale come fa ad essere utilizzato dal Tribunale per affidargli dei minorenni?

Chiedo quindi pubblicamente all'Assessore Mazzaracchio:
- di avviare una inchiesta regionale straordinaria su tutte le Comunità iscritte nell'albo regionale;
- di acquisire dai Tribunali dei Minori l'elenco degli istituti a cui vengono affidati i bambini cosi' da verificare se il lager di Ugento sia un caso isolato o meno;
- di informare formalmente il Ministro di Grazia e Giustizia di quanto accaduto a Lecce.

Una osservazione finale è inevitabile : che strana la Legge a Lecce."