Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2002-10-29_cassa_int

CASSA INTEGRAZIONE
FIAT - TURCO E DI PIETRO AL COMMISSARIO MONTI : A QUANDO L'ESAME DELLA COMPATIBILITA' DELLA CASSA INTEGRAZIONE CON LA NORMATIVA COMUNITARIA? DAL GENNAIO 1977 AL FEBBRAIO 2002 SONO STATE EROGATI CIRCA 120 MILIARDI DI EURO

Bruxelles, 29 ottobre 2002 - In una lettera al Commissario europeo alla concorrenza, Prof. Mario Monti, Maurizio Turco, Presidente dei deputati radicali e Antonio Di Pietro, deputato europeo e leader dell'"Italia dei Valori" manifestano "stupore di fronte al fatto che la Commissione Europea ... non abbia proceduto all'esame della compatibilità della C.I.G.S. (Cassa integrazione guadagni straordinaria) con la normativa comunitaria sugli aiuti di Stato alle imprese e all'occupazione, esame imposto dall'art. 88 del TUE" e quindi "sollecitano che si proceda celermente a detto esame onde evitare che ancora una volta si assista inerti ad un'operazione di privatizzazione dei profitti e socializzazione delle perdite a danno di decine di milioni di cittadini dell'Unione."

SINTESI DELLA LETTERA AL COMMISSARIO MONTI

la C.I.G.S. è un istituto deputato a garantire il reddito dei lavoratori di determinate categorie di imprese in costanza di rapporto, quando l'attività produttiva sia interrotta o ridotta per riorganizzazione, ristrutturazione, conversione, crisi aziendale, procedure concorsuali.
dal gennaio 1977 al febbraio 2002 sono state erogate, complessivamente, 6.372.929.914 ore di C.I.G.S., per un valore equivalente a circa 120 miliardi di ', importo quasi completamente finanziato dallo Stato italiano.
la C.I.G.S. viene concessa con un provvedimento amministrativo assolutamente discrezionale, in contrasto con gli orientamenti della Commissione europea, che richiedono l'automaticità del meccanismo di concessione.
alla C.I.G.S. possono accedere soltanto i lavoratori di alcune categorie di imprese, laddove gli orientamenti della Commissione europea richiedono che l'accesso a questo tipo di ammortizzatori sociali sia generalizzato.
i dati statistici e gli studi forniti dall'Istat e dal Cnr rilevano che l'utilizzo della C.I.G.S. è in gran parte indipendente dall'evoluzione del ciclo economico e va ad esclusivo vantaggio delle grandi imprese, pur essendo tenute a contribuirvi anche le imprese più piccole, con conseguente grave handicap delle seconde nel fronteggiare la concorrenza delle prime.
l'importo di 120 miliardi di ' appare senza dubbio idoneo ad incidere sugli scambi tra gli Stati membri dell'Unione Europea ed a falsare o minacciare di falsare la concorrenza (art. 87 TUE).
il Governo italiano ha recentemente manifestato l'intendimento di rifinanziare gli ammortizzatori sociali, dei quali la C.I.G.S. rappresenta storicamente la principale voce di spesa, per 5 miliardi di euro.
La ristrutturazione della Fiat - monopolista del settore dell'auto in Italia - attualmente in corso ha già determinato una nuova, imponente impennata del ricorso all'istituto:
+ 177,5% giugno 2002 rispetto a giugno 2001;
+ 48,9% nel primo semestre 2002 rispetto al primo semestre 2001.
La Fiat, già nel 1980 e nel 1993 ha scaricato i costi delle proprie ristrutturazioni sulla fiscalità generale attraverso la C.I.G.S.
In tutte le precedenti ristrutturazioni Fiat i dipendenti collocati "temporaneamente" in Cigs non hanno mai fatto rientro in fabbrica e sono stati puntualmente espulsi dal mercato del lavoro, per cui la principale beneficiaria delle erogazioni è stata la Fiat stessa e non i lavoratori.