Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2002-11-19_lib_religiosa

UE/LIBERTA' RELIGIOSA
133 DEPUTATI EUROPEI CHIEDONO CHE LA LIBERTA' RELIGIOSA DIVENTI UNA PRIORITA' DELL'UE

Strasburgo, 19 novembre 2002 - Su iniziativa di Maurizio Turco, Presidente dei deputati radicali al Parlamento europeo, 133 deputati hanno presentato una risoluzione sulla libertà religiosa.

"La proposta di risoluzione sul rispetto della libertà religiosa va ad aggiungersi alle risoluzioni contro le mutilazioni genitali femminili e quella contro i matrimoni forzati, affinché diventino delle priorità dÎazione nelle relazioni dellÎUnione Europea con gli Stati terzi.
Sono infatti innumerevoli i paesi finanziati dall'Unione europea, direttamente o indirettamente, che violano quotidianamente i diritti umani fondamentali. Parallelamente la Commissione europea si da continuamente alibi per non invocare la clausola democratica che sottopone l'elargizione dei denari dei cittadini europei al rispetto dei diritti umani.
Queste proposte di risoluzione cercano di porre un freno a questa ignobile politica aggiungendo alla invocazione generica una catalogazione anche specifica dei diritti che ne consentano un diretto ed esplicito monitoraggio e quindi denuncia degli accordi in caso di violazione. Prevedendo in particolare per quanto riguarda il rispetto della libertà religiosa "sanzioni simili a quelle previste sin dal 1998 dalla Legge degli Stati Uniti d'America sulla libertà religiosa nel mondo (Public Law 105-292 / 105th Congress)"."

La risoluzione è stata sottoscritta, tra gli altri, dai Vicepresidenti del Parlamento James Provan e Alejo Vidal-Quadras Roca; dai deputati questori Richard Balfe, Mary Banotti e Miet Smet; dai Presidenti di Commissione Nino Gemelli (petizioni), Anna Karamanou (diritti della donna e pari opportunità) e Terence Wynn (controllo dei bilanci).

I 133 FIRMATARI : Maurizio Turco, Emma Bonino, Marco Pannella, Marco Cappato, Gianfranco DellÎAlba, Benedetto Della Vedova, Olivier Dupuis ( RADICALI); Nuala Ahern (Verts/ALE), Generoso Andria (PPE-DE), Pedro Aparicio (PSE), Robert Atkins (PPE-DE), Maria Antonia Aviles Perea (PPE-DE), Richard Balfe (PPE-DE), Mary Banotti (PPE-DE), Paolo Bartolozzi (PPE-DE), Carlos Bautista (Verts/ALE), Christopher Beazley (PPE-DE), Alima Boumediene-Thiery (Verts/ALE), Giuseppe Brienza (PPE-DE), Carlos Carnero (PSE), Massimo Carraro (PSE), Maria Carrilho (PSE), Paulo Casaca (PSE), Michael Cashman (PSE), Luigi Cocilovo (PPE-DE), Michel Dary (GUE), Joseph Daul (PPE-DE), Chris Davies (ELDR), Thierry De La Perriere (NI), Christine De Veyrac (PPE-DE), Gérard Deprez (PPE-DE), Harlem Désir (PSE), Rosa Diez Gonzalez (PSE), Manuel Dos Santos (PSE), Den Dover (PPE-DE), Avril Doyle (PPE-DE), Barbara Dührkop (PSE), Mercedes Echerer (Verts/ALE), Jill Evans (Verts/ALE), Carlo Fatuzzo (PPE-DE), Giovanni Claudio Fava (PSE), Enrico Ferri (PPE-DE), Jean-Claude Fruteau (PSE), Per Gahrton (Verts/ALE), Georges Garot (PSE), Evelyne Gebhardt (PSE), Nino Gemelli (PPE-DE), Fiorella Ghilardotti (PSE), Heidi Hautala (Verts/ALE), Mary Honeyball (PSE), Chris Huhne (ELDR), Anna Karamanou (PSE), Hans Karlsson (PSE), Glenys Kinnock (PSE), Eija-Riitta Korhola (PPE-DE), Wolfgang Kreissl-Doerfler (PSE), Hans Kronberger (NI), Paul Lannoye (Verts/ALE), Vincenzo Lavarra (PSE), Alain Lipietz (Verts/ALE), Giorgio Lisi (PPE-DE), Raffaele Lombardo (PPE-DE), Sarah Ludford (ELDR), Elizabeth Lynne (ELDR), Nelly Maes (Verts/ALE), Cecilia Malmström (ELDR), Thomas Mann (PPE-DE), Ioannis Marinos (PPE-DE), Helmuth Markov (GUE), Claudio Martelli (ELDR), Hugues Martin (PPE-DE), Véronique Mathieu (EDD), Mario Mauro (PPE-DE), Miguel Mayol y Raynal (Verts/ALE), Eryl McNally (PSE), Emilio Menendez Del Valle (PSE), Elizabeth Montfort (NI), Jan Mulder (ELDR), Francesco Musotto (PPE-DE), Nello Musumeci (UEN), Pasqualina Napoletano (PSE), Bill Newton Dunn (ELDR), Mauro Nobilia (UEN), Camilo Nogueira (ELDR), Juan Ojeda (PPE-DE), Elena Paciotti (PSE), Paolo Pastorelli (PPE-DE), Béatrice Patrie (PSE), Yves Pietrasanta (Verts/ALE), Gianni Pittella (PSE), Elly Plooij-Van Gorsel (ELDR), Bernard Poignant (PSE), Adriana Poli Bortone (UEN), Bartho Pronk (PPE-DE), James Provan (PPE-DE), John Purvis (PPE-DE), Daniela Raschhofer (NI), Frédérique Ries (ELDR), Lennart Sacredeus (PPE-DE), Ulla Sandbaek (EDD), Marieke Sanders-ten Holte (ELDR), Amalia Sartori (PPE-DE), Francisca Sauquillo (PSE), Gilles Savary (PSE), Luciana Sbarbati (ELDR), Karin Scheele (PSE), Olle Schmidt (ELDR), Inger Schörling (Verts/ALE), Peter Sichrovsky (NI), Miet Smet (PPE-DE), Patsy Sörensen (Verts/ALE), Maria Sornosa (PSE), Francesco Speroni (Lega Nord), Bart Staes (Verts/ALE), Margie Sudre (PPE-DE), Charles Tannock (PPE-DE), Nicole Thomas-Mauro (NI), Helena Torres Marques (PSE), Bruno Trentin (PSE), Franz Turchi (UEN), Joaquim Vairinhos (PSE), John Vallve (ELDR), Bob Van den Bos (ELDR), Lousewies Van der Laan (ELDR), Johan Van Hecke (ELDR), Gianni Vattimo (PSE), Alejo Vidal-Quadras Roca (PPE-DE), Dominique Vlasto (PPE-DE), Demetrio Volcic (PSE), Anders Wijkman (PPE-DE), Matti Wuori (Verts/ALE), Terence Wynn (PSE), Myrsini Zorba (PSE).

PROPOSTA DI RISOLUZIONE SULLA LIBERTA' RELIGIOSA

Ai sensi dellÎarticolo 48 del regolamento PE

Il Parlamento europeo,

A. Considerando che la libertà religiosa nelle sue dimensioni individuale e collettiva costituisce un diritto umano fondamentale sancito da vari strumenti giuridici internazionali Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo (1948), Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dellÎuomo e delle libertà fondamentali (1950), Patto internazionale sui diritti civili e politici (1966), Dichiarazione dell'ONU sull'eliminazione di tutte le forme d'intolleranza e di discriminazione fondate sulla religione o la convinzione (1981);

B. Considerando che il principio della libertà religiosa implica la libertà di fede e di culto senza discriminazione né preferenza e non può che realizzarsi all'interno di uno stato laico;

C. Considerando che la libertà religiosa è arbitrariamente calpestata e violata in diverse parti del mondo;

Invita il Consiglio dellÎUnione europea, la Commissione europea e gli Stati Membri:

1. a fare del rispetto della libertà religiosa una priorità dÎazione nelle relazioni dellÎUE con gli Stati terzi;

2. a prevedere in caso di violazione sanzioni simili a quelle previste sin dal 1998 dalla Legge degli Stati Uniti d'America sulla libertà religiosa nel mondo (Public Law 105-292 / 105th Congress).