2003-02-27_religione

COSTITUZIONE EUROPEA/RELIGIONE
LA PROPOSTA RADICALE ENTRA FORMALMENTE NEL DIBATTITO DELLA CONVENZIONE MENTRE IL VATICANO CHIEDE UNA CITAZIONE AL DIO... DENARO

Bruxelles, 27 febbraio 2003 - Ringrazio i deputati socialisti spagnoli M. Borrell, membro della Convenzione, e Carnero Lopez Garido, membri supplenti, che hanno voluto sottoscrivere e portare nel dibattito della Convenzione la risoluzione "per il rispetto dei principi della libertà religiosa e della laicità dello stato nella futura costituzioone europea" che ho promosso e che -sinora- è sostenuta da 163 deputati europei. Tra i fatti nuovi da segnalare vi è l'intervento fatto ieri alla Commissione Esteri del Parlamento italiano da Monsignor Boteri, segretario generale della Conferenza episcopale italiana. Il quale ha inserito una nuova richiesta vaticana, ovvero il rispetto, da parte dell'ordinamento dell'Unione, dello statuto peculiare di cui ciascuna Chiesa e comunità religiosa gode all'interno degli ordinamenti nazionali. Dopo le richieste di principio si è giunti al fatto concreto : salvaguardare i concordati stipulati dalle Chiese con gli stati nazionali. Concordati che, partendo dalla libertà religiosa, vanno a parare in questioni più terrene. Che sia lo sgravio dell'IVA o qualche finanziamento pubblico garantito. Adesso la richiesta è chiara ed esplicita: il richiamo è al dio denaro.