Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2004 05 25 * costituzione Ue * Dopo l'iniziativa confessionale italo-polacca si organizza il fronte laico.

"Alcuni giorni fa, quando il Ministero degli Esteri presentando l'iniziativa italo-polacca a favore di un richiamo alle radici cristiane nella futura Costituzione europea, incluse tra i paesi sostenitori anche la Spagna, manifestai il dubbio che le informazioni diffuse non fossero aggiornate.

Non solo non sono aggiornate ma oggi la Spagna con Francia, Belgio, Slovenia, Svezia, Finlandia e Danimarca si esprimono contro la proposta italo-polacca.

Ma l'inclusione delle radici cristiane o giudaico-cristiane nella Costituzione europea, sono lo strumento scelto per non aprire il dibattito sull'articolo 51, con il quale si blindano i privilegi economici alle Chiese egli si riconosce un ruolo nella vita politica dell'Unione europea.

Tant'è che la risoluzione che ho promosso, sinora firmata da 136 deputati europei, invita i governi di Belgio, Francia, Lussemburgo e Svezia di porre il veto, in coerenza con gli emendamenti per l'abrogazione dell'articolo 51 che hanno presentato durante i lavori della Convenzione. Risoluzione che inoltre è sostenuta da 112 deputati e 108 associazioni di tutti i paesi membri dell'Unione europea."