Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2007 08 03 * CASO ITALIA PIANISTI * LETTERA A BERTINOTTI : SI ADOTTI SUBITO IL SISTEMA DI VOTO BIOMETRICO

Ieri, giovedì 2 agosto, i deputati radicali della Rosa nel Pugno hanno inviato una lettera al Presidente della Camera dei deputati per chiedere che venga adottato durante le votazioni il sistema di voto ‘biometrico’. Il voto dei pianisti configura fattispecie di reato gravissimi. A settembre i deputati radicali presenteranno, nell’ambito della discussione sul Bilancio della Camera dei deputati, un ordine del giorno affinché venga adottato questo sistema.

Di seguito il testo della lettera:

Roma, 2 agosto 2007

Al Presidente della Camera dei deputati

On. Fausto Bertinotti

Egregio Signor Presidente,

come da noi sottolineato nel corso della seduta del 31 luglio scorso e dal nostro rappresentante in sede di Ufficio di Presidenza, non v’è votazione dell’Assemblea in cui diversi deputati non votino per i colleghi assenti.

A questa nostra constatazione la Sua risposta è stata che lo strumento

regolamentare da adottare per evitare il ripetersi di questa prassi, consolidata e purtroppo condivisa, è quello di chiedere la verifica delle schede.

Questa formalità non è però adeguata al superamento di un

comportamento che - se non fosse per l’interna corporis, principio voluto dai Costituenti per garantire l’autonomia del Parlamento ma di cui si abusa per garantire uno spazio di impunità -, potrebbe configurare non solo la violazione del Regolamento, ma probabilmente anche fattispecie quali falso in atto pubblico o danno erariale in relazione alla parte di diaria che non sarebbe dovuta.

Nel sollecitare l’adozione di una soluzione tecnica all’impianto di voto

che escluda ogni possibile abuso del sistema, le proponiamo, tra le altre possibilità, quella ‘biometrica’.

Recentemente sono stati aggiornati tutti i terminali di voto e

l’applicabilità di questa tecnologia è generalmente possibile senza necessità di sostituzione. Considerando che i deputati dispongono di un posto assegnato, il processo di riconoscimento biometrico è applicabile in modalità operativa ‘one-to-one’ (singolo deputato, singola impronta possibile) ottenendo quindi l’esito dell’accesso al sistema del voto in tempo reale. Il lettore biometrico può essere utilizzato all’inizio di ogni votazione, anche solo per l’attivazione della postazione, permettendo così di accedere, con gli attuali pulsanti, all’espressione del voto.

Ovviamente tale procedura garantirebbe gli attuali parametri di segretezza della votazione. Inoltre, questo sistema garantirebbe la sicurezza del riconoscimento al 100 per cento.

Certi della Sua attenzione, Le porgiamo i nostri più cordiali saluti,

On. Sergio D’Elia

On. Maurizio Turco