Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 04 01 * Vaticano - Turco: oggi entra in vigore la legge antiriciclaggio. Ha tutta l'aria di essere un pesce d'aprile ma purtroppo non lo è

Maurizio Turco, deputato radicale, Presidente di anticlericale.net
Quest'oggi entra in vigore la Legge concernente la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio dei proventi di attività criminose, decretata da Benedetto XVI lo scorso 30 dicembre, in attuazione della Convenzione monetaria tra l’Unione europea e lo Stato della Città del Vaticano. Rimane incomprensibile, per chi ha coscienza democratica e laica, come possa l'Autorità di Informazione Finanziaria (AIF) – incaricata di prevenire e contrastare il riciclaggio dei proventi di attività criminose – effettivamente agire in «piena autonomia e indipendenza» se: Il Presidente è nominato dal Sommo Pontefice; Il Consiglio direttivo è composto da altri quattro membri nominati dal Sommo Pontefice; il Direttore è nominato (dal Presidente) con il nulla osta del Segretario di Stato di Sua Santità; il personale viene assunto (dal Presidente) con il nulla osta del Segretario di Stato di Sua Santità. Il Sovrano dello Stato della Città del Vaticano, pertanto, mantiene un controllo indiretto su tutta l’attività dell’AIF, potendone alterare i vertici a propria discrezione. Un controllo diretto invece può esercitarlo nei confronti dei magistrati (vaticani) eventualmente chiamati a sindacare ipotesi di riciclaggio, in quanto essi «dipendono gerarchicamente dal Sommo Pontefice» (che «ha la pienezza dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziario»). Norme come quella del divieto di apertura o di tenuta di conti e depositi anonimi, pure presenti nella citata legge, rischiano di essere soffocate da un ordinamento che, assieme a pochi altri piccoli sultanati, rappresenta nel mondo uno degli ultimi esempi di monarchia assoluta e assolutista. Quel che appare ben più comprensibile (ma inaccettabile) è invece la volontà della Curia Romana di far apparire conclusa la cosiddetta ‘operazione trasparenza’ all’interno delle finanze della Chiesa e dell’Istituto per le Opere di Religione (IOR). Operazione più volte invocata nel passato, sempre all’indomani di un qualche grave ‘scandalo’, ma mai veramente efficace nel riportare alla propria ragione sociale l’attività dello IOR (le opere di religione e di carità). Mai efficace, soprattutto, nel dirimere una controversia (quella dello IOR e della sua attività in Italia) scientemente occultata dalla conoscenza e dal dibattito pubblico, a tutti i livelli possibili. Per quanto ci riguarda, non ci rassegniamo di fronte ad iniziative unilaterali che fanno tabula rasa di qualsiasi esigenza di giustizia e verità su gravi fatti criminali, del passato come del presente.