Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 04 14 * Difesa e sicurezza - Turco: Governo preferisce le armi alla specificità

"Le commissioni riunite Affari Costituzionali e Difesa della Camera dei deputati ieri, contro ogni logica, hanno respinto tutte le proposte emendative che ho presentato al DL 27/2011 "Misure urgenti per la corresponsione di assegni una tantum al personale delle Forze di polizia, delle Forze armate e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco", per tentare di ricondurre il provvedimento nell'ambito della correttezza e del rispetto che si deve ai cittadini in divisa.
In particolare spiace dover constatare che proprio l'emendamento al comma 4, del decreto legge, che ho presentato affinché, invece dei fondi stanziati per il riordino delle carriere, si provvedesse alla copertura di spesa con quelli destinati per gli anni 2011, 2012 e 2013 all'inutile Programma pluriennale di A/R n. SMD 02/2009, relativo all'acquisizione del sistema Joint Strike Fighter e realizzazione dell'associata linea FACO/MRO&U nazionale, ha trovato il solo voto favorevole dei deputati dell'IDV.
Questo emendamento avrebbe consentito di poter utilizzare oltre 3600 milioni di euro comportando solamente una sospensione di tre anni del programma di spesa per l'acquisizione di armamenti di cui sinceramente non ne vediamo la ragione, a meno che l'Italia non si stia preparando per una guerra coloniale e noi non lo sappiamo.
Ancora una volta il Governo non ha voluto riconoscere ai militari e poliziotti quella specificità con cui continua a riempirsi la bocca quando deve fare la sua propaganda".