Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 04 15 * Cocer Carabinieri, Turco e Comellini: delegato indagato per truffa sottoposto a obbligo di dimora, adesso capiamo il silenzio di La Russa sulle nostre interrogazioni

Abbiamo appreso da fonti di stampa che la Procura della Repubblica presso il tribunale militare di Napoli sta indagando sull’appuntato scelto dei Carabinieri, Emilio Taiani membro del Consiglio Centrale di Rappresentanza dell’Arma dei Carabinieri e che nei confronti del militare, a seguito delle indagini condotte per oltre sei mesi dal titolare dell’inchiesta in corso, il Sostituto Procuratore D.ssa Marina Mazzella su delega del Procuratore capo il dott. Lucio Molinari, in data 25 marzo 2011 è stato disposto il provvedimento restrittivo cautelare dell’obbligo di dimora.
Sempre secondo il quotidiano on-line "LiberoReporter" che ha pubblicato l’articolo a firma di Ferdinando Pelliccia l'iscrizione nel registro degli indagati dell’appuntato scelto Emilio Taiani è stata fatta per i reati di truffa e falso in fogli di viaggio. Dall’articolo, inoltre, si apprende che «è emerso che l’appuntato scelto abbia abusato dei fogli di viaggio e che gli siano stati pertanto liquidate, impropriamente, somme di denaro per un importo di svariate migliaia di euro».
Da quasi due anni indirizziamo interrogazioni al Ministro della difesa Ignazio La Russa proprio sui costi della rappresentanza e sulle attività o indagini che riguardano i delegati del Cocer e in particolare quello dei Carabinieri.
Se La Russa sapeva quanto sta accadendo - avendo letto le nostre interrogazioni – ci piacerebbe conoscere i motivi per i quali non è intervenuto per riportare la legalità all’interno dell’Arma.
Al Ministro La Russa vogliamo solo chiedere se alla luce di questo fatto, e dei molti segnalati con gli atti di sindacato ispettivo che gli abbiamo rivolto, ritenga ancora che il Governo abbia agito nell’interesse dei militari prorogando il mandato, per la seconda volta, ai Cocer e soprattutto a quello dei carabinieri.
Sulla questione è stata depositata immediatamente una interrogazione (4-11612) per conoscere, almeno questa volta, quali siano stati gli immediati provvedimenti che il Ministro ha adottato nei confronti del delegato del Cocer dei carabinieri e soprattutto quelli che intenderà adottare per evitare che altri appartenenti ai Cocer possano commettere i medesimi reati di cui è accusato il delegato del Cocer nei cui confronti la procura ha ritenuti di dover adottare il provvedimento restrittivo dell'obbligo di dimora.