Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 08 18 * 41bis * Turco e Coscioni: chiediamo un atto di decenza di stato per Antonio Iovine : mettere una tendina davanti alla turca rialzata nella cella del carcere di Badu e Carros

Dichiarazione di Maurizio Turco e Maria Antonietta Farina Coscioni, deputati radicali

L’11 agosto, nel corso della visita al carcere di Badu ‘e Carros di Nuoro, abbiamo incontrato anche Antonio Iovine, condannato in contumacia all’ergastolo, ristretto in 41 bis e che per tre anni dovrà anche scontare l’isolamento diurno.
Già il 41bis è qualcosa di più di una detenzione certa, sicura, afflittiva. Perché sia, per così dire, afflittivissima, Iovine dovrà anche scontare tre anni di isolamento totale.
Non siamo alla legge del taglione ma siamo molto vicini e potrebbe bastare.
E invece no. Non basta l’afflizione ci vuole l’umiliazione. Nella cella quadrata di più o meno 10/12 mq – così ci è sembrata a vederla dall’angusto spazio dello spioncino - ci sono anche due telecamere che, oltre a seguire la vita di Iovine, lo (per)seguitano anche al bagno. Bagno è, per così dire e a dir poco, un eufemismo: si tratta di una turca messa in un angolo della cella su di un rialzo triangolare di 70-80 centimetri di fronte ad una delle due telecamere.
Alla richiesta sulle sue condizioni di detenzione ha risposto come avrebbe risposto chiunque si trovi nelle sue condizioni: nulla da lamentare. E nessuno saprà mai se è per spavalderia, per paura o cos’altro.
Crediamo che sarebbe un atto di decenza di Stato quello di mettere almeno una tendina davanti alla turca sopra al rialzo (anche se le turche si installano ad altezza del pavimento e non se n’è mai vista una posta sopra ad un rialzo).