Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 09 21 * Cocer - Turco: Generale Gallitelli è inaccettabile diffidarmi dal proseguire la mia azione politica per i diritti dei Carabinieri

Sono sconcertato dal tentativo che il signor Giuseppe La Fortuna ha messo in atto per cercare di delegittimare la mia azione politica di denuncia delle illegalità che i Cocer, o alcuni componenti di essi, usano perpetrare da molti anni a danno del personale delle Forze armate per vessare i diritti della truppa.
Mi riferisco alla richiesta di "rimozione e rettifica" che La Fortuna ci ha rivolto in merito alla pubblicazione sul sito del Pdm che da la notizia di una interrogazione (n. 4/13063) di cui sono il primo firmatario e con cui ho chiesto al Ministro La Russa chiarimenti in merito ai gravi fatti descritti in un "esposto" allegato a un verbale redatto da un Consiglio Intermedio della rappresentanza militare dell’Arma, in cui La Fortuna è citato insieme ad altri militari e politici.
Atto che La Fortuna ha esteso a tutti coloro che hanno ripreso la notizia o parte di essa.
Non mi è chiaro se La Fortuna abbia agito come consigliere eletto nelle liste del PdL al Consiglio comunale di Roma e quindi in nome e per conto di quale esponente del suo partito, oppure come delegato del Cocer dei carabinieri e quindi con il pieno avallo dei suoi superiori.
In entrambi i casi la questione merita i doverosi chiarimenti perché l’atto di sindacato ispettivo in questione, come tutti gli atti parlamentari è "pubblico", è sottoposto a un rigido controllo di legittimità da parte degli uffici della Camera e il documento su cui si fonda è anch’esso un atto pubblico e come tali la loro divulgazione non può essere sindacata o limitata in alcun modo.
È evidente che il Ministro della difesa Ignazio La Russa e il generale Gallitelli devono intervenire immediatamente su questa vicenda perché è inaccettabile che un appartenente all'Arma dei carabinieri, nel tentativo di evitare la conoscenza di fatti nei quali appare essere coinvolto, abbia potuto agire per delegittimare le mie prerogative di deputato e quindi la mia scelta di diffondere anche tramite il sito del Partito per la tutela dei diritti di militari e Forze di polizia, di cui sono il cofondatore, e il suo Segretario Comellini, gli atti pubblici che riguardano le mie iniziative politiche e parlamentari.