Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 10 17 * Cardinale Bagnasco - Turco: Anche noi abbiamo i nostri valori non negoziabili: democrazia e diritti umani

Sì alla libertà religiosa, no alla rilevanza pubblica che noi conosciamo come sinonimo di occupazione di spazi pubblici e dilapidazione di denari.

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato radicale:
Prendiamo atto delle doti politiche del cardinale Bagnasco che è riuscito in una mezza giornata a far sfilare davanti a lui a capo chino e aria penitente esponenti politici di tutta la partitocrazia.
Incamerate tutte le sottomissioni - che abbiamo atteso si esprimessero favorendone un corretto svolgimento ed evitando di fornire distrazioni - registriamo che nessuno dei penitenti cosiddetti anti Berlusconi gli ha chiesto del ventennio passato, quello in cui le gerarchie cattoliche italiane si stracciavano le vestici per coprire quelle cose un tempo tollerate come i bunga bunga e giustificavano la bestemmia.
E nemmeno uno che gli abbia chiesto meno avidità (8 per mille, ICI, ecc…) né che lo abbia sollecitato a destinare molti più soldi dell’8 per mille alla Caritas o ai cappellani delle carceri o alle tante iniziative caritatevoli (carità, costoso orpello!).
Adesso che la partitocrazia si è anche ecclesiasticamente ricomposta non vorremmo rovinare la festa che il cardinale Bagnasco ha fatto ai politici, ricordandogli che la libertà che lui reclama è fondata sui nostri principi non negoziabili per i quali lottiamo, democrazia e diritti umani, dei quali una delle declinazioni più forti è quella della affermazione e del rispetto della libertà di pensiero, coscienza e religione. Di tutte e per tutti.
Con la stessa forza ci batteremo contro la rilevanza pubblica della religione di cui conosciamo a grandi linee due sole declinazioni: quella che si manifesta attraverso l'occupazione di spazi pubblici con conseguente dilapidazione di denari; e quella che si sovrappone tout court allo Stato.
Ed è incredibile come ci si accanisce per ingabbiare la laicità (già "sana" per volere di Benedetto XVI, oggi anche "vera" e "positiva" per volontà del cardinale Bagnasco) pari all’accanimento con cui si abbandona a se stessa la religiosità. D’altronde è noto che non si può obbedire a Dio e a mammona e non certo per un fatto tecnico."