Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 12 17 * Ici/otto per mille - Turco: è un problema di slealtà nei confronti delle istituzioni europee e dei cittadini da parte di uno Stato malato di illegalità

Sull'ICI il Governo ha messo una buona parola per arrivare a una soluzione che porti lo Stato italiano a rispettare le direttive europee sula concorrenza.
Adesso serve una legge volta ad "abrogare ogni norma che preveda esenzioni o riduzioni fiscali e tributarie a favore di qualsiasi soggetto svolgente un'attività commerciale, ancorché il fine di lucro non connoti in modo principale l'attività della persona giuridica beneficiaria dell'esenzione o della riduzione stessa" come recita l'ordine del giorno presentato dai deputati radicali. Naturalmente ciò non risolve il problema degli arretrati che continuerà a persistere visto che, al momento, non abbiamo alcuna intenzione di ritirare la denuncia presentata alla Commissione europea.
Né si può far finta che non esista anche un problema otto per mille. Ovverosia di una truffa al buon senso dei cittadini organizzata attraverso una legge.
In tutti e due i casi si tratta di problemi che afferiscono al rapporto uno Stato malato di illegalità e la legalità europea e il rispetto verso i cittadini.
Qualsiasi altra lettura è demagogica e ideologica. Sia da parte di chi vuole una Chiesa che minaccia con il mitra spianato i parlamentari che in realtà agiscono per eccesso di zelo sia di chi vuole che la Chiesa sia considerata al di sopra e al di fuori della legge degli uomini.
E trovo davvero poco appropriato questo intervenire sulle leggi della Repubblica da parte del Presidente della Conferenza episcopale italiana. Mentre continua a far finta di non sentire la reiterata richiesta che gli rivolgiamo di promuovere una commissione di inchiesta indipendente sulle violenze sessuali commesse da membri del clero. I colleghi americani, irlandesi, belgi, olandesi del cardinale Bagnasco lo hanno fatto, non è che in fondo ritenga i cattolici italiani incapaci di comprendere a differenza dei cattolici americani, irlandesi, belgi, olandesi?