Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2012 10 02 * Vatileaks - Turco, Pontesilli e De Lucia: Paolo Gabriele sottoposto a trattamenti vicini alla tortura, il Vaticano come Abu Ghraib. Necessaria la presenza di osservatori internazionali subito

Dichiarazione di Maurizio Turco (deputato Radicale, presidente dell’associazione radicale Anticlericale.net), Carlo Pontesilli (segretario di Anticlericale.net) e Michele De Lucia (tesoriere di Anticlericale.net)

Apprendiamo da notizie di stampa che Paolo Gabriele, imputato nel processo “Vatileaks”, ha denunciato di avere subito, durante la detenzione presso le carceri vaticane - peraltro ancora in corso - trattamenti in tutto e per tutto assimilabili alla tortura in un Paese non democratico. Gabriele sarebbe stato infatti rinchiuso in una cella nella quale non poteva “neanche aprire le braccia” e “la luce è stata tenuta accesa 24 ore al giorno”.
Preso atto che la situazione delle carceri vaticane non è meno disgraziata di quella riscontrata nelle carceri italiane, chiediamo con urgenza l’intervento di osservatori internazionali che verifichino le condizioni di detenzione dei reclusi tra le mura della c.d. “Santa Sede”.
L’associazione radicale Anticlericale.net offre la piena disponibilità e collaborazione alle autorità internazionali, e allo stesso Paolo Gabriele per la tutela dei suoi diritti.