Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2012 10 10 * Imu, Chiesa - Turco, Pontesilli: Nell'attesa delle norme che dovrebbero superare le violazioni alle direttive europee sulla concorrenza c'è qualche procura che si candida a indagare chi ha procurato un danno di qualche miliardo di euro alle casse dello Stato?

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato radicale e Carlo Pontesilli, segretario di anticlericale.net:

"Nell'attesa di leggere il testo di legge che farà pagare l'IMU alle attività commerciali realizzate da enti no profit, c'è qualche procura che intenda anticipare un nostro esposto per indagare se vi è stato danno erariale da parte di chi ha gestito i rapporti con l'Unione europea, almeno dal 2006, anno in cui abbiamo promosso le denunce presso la Commissione europea per violazione delle direttive comunitarie sulla concorrenza?
È infatti vero che il comunicato di Palazzo Chigi parla di nuove norme che avranno "l’effetto di pieno adeguamento al diritto comunitario", a dire che le attuali non sono pienamente adeguate al diritto comunitario, cioè lo violano. E le violano da quando sono state emanate. E da allora costante è stata l'azione del funzionariato ministeriale a trovare formule magiche per non far pagare le tasse e far credere alla Commissione europea che la magica formula le facesse pagare.
Detto questo ci auguriamo che il Governo voglia chiarire la legge primaria nel senso di approfondire il concetto già espresso e non il gioco delle tre carte che il funzionariato ministeriale aveva escogitato nel regolamento.
Pro memoria ricordiamo che, a parte noi, anche il Consiglio di Stato ha avvisato il Governo che nel confrontarsi con la denuncia che abbiamo presentato alla Commissione europea sia necessaria "estrema prudenza".
Finora il governo si è ben mosso, continui a farlo e si assuma la responsabilità di farlo direttamente e di non delegarlo al funzionariato ministeriale."