Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2012 12 01 * Legge elettorale - Bersani sappia che se le regole del gioco non si cambiano durante la partita è per consentire agli elettori di fare il proprio gioco e non di farlo fare ai partiti insieme all'arbitro che la partita se la sono venduta

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato radicale:

"Bersani giustamente sostiene che le regole non si cambiano in corsa. Ma se questo è vero per le primarie del PD a maggior ragione lo deve essere per le elezioni politiche. E non è uno spettacolo democratico il nascondersi come fa la Presidenza della Repubblica dietro il parere non vincolante della Commissione di Venezia del Consiglio d'Europa e ignorando deliberatamente la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo che ha condannato la Bulgaria proprio richiamando quel parere.
Quella di Bersani, che magari voleva essere una semplificazione, è esattamente un principio proprio del consolidamento della democrazia che vede negli elettori i giocatori della partita e non li relega sugli spalti a fare gli spettatori mentre i partiti cambiano insieme all'arbitro le regole di una partita che si sono venduti."