Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Visite del Comitato per la Prevenzione della Tortura (CPT)

§    Il CPT è stato istituito in virtù della “Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti”, entrata in vigore nel 1989.

§    È basato sull’articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, che stabilisce che “Nessuno può essere sottoposto a tortura, né a pene o trattamenti inumani o degradanti”.

§    Il CPT non è un organo investigativo, bensì uno strumento non giudiziario, a carattere preventivo, destinato a proteggere le persone private della libertà dalla tortura e da altre forme di maltrattamenti. Affianca e completa in tal modo le attività giudiziarie della Corte europea dei diritti dell’uomo.

§    La Convenzione è stata ratificata dai 47 Stati membri del Consiglio d’Europa.


Tra il marzo 1992 e il maggio 2012 il Comitato per la Prevenzione della Tortura ha effettuato 10 visite in Italia.

Già nel 1995, la prima visita successiva all'istituzione del regime speciale del 41bis il CPT mette in rilievo alcune criticità.