Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1998 09 14 * XIII legislatura * Camera, Interpellanza - concluso * MUSSI Fabio - DS-ULIVO

Ramo: Camera

Tipo Atto: INTERPELLANZA

Numero atto: 2/01362

Data presentazione: 14-09-1998

Seduta di presentazione: 403

PRESENTATORE : MUSSI Fabio, FOLENA Pietro, LUMIA Giuseppe, SINISCALCHI Vincenzo, JANNELLI Eugenio, RANIERI Umberto, BARBIERI Roberto, GAMBALE Giuseppe, GIARDIELLO Michele, SIOLA Uberto, NAPPI Gianfranco, VOZZA Salvatore, CENNAMO Aldo, PETRELLA Giuseppe, GATTO Mario, DE SIMONE Alberta, BOVA Domenico, FUMAGALLI Marco, OLIVO Rosario, VENETO Gaetano DEM.SIN. - L'ULIVO (DS-ULIVO)

STATO ITER : Iter concluso

DESTINATARI : MINISTERO DELL'INTERNO 14-09-1998, MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA 14-09-1998

INTERLOCUTORIE : da INTERNO a GIUSTIZIA il 17/09/98 d'ufficio

RISPOSTA DEL GOVERNO: 17-09-1998

SVOLGIMENTO: LUMIA Giuseppe DS-ULIVO

RISPOSTA GOVERNO: FLICK Giovanni Maria GIUSTIZIA (MIN.)

REPLICA: LUMIA Giuseppe DS-ULIVO

Testo dell'Atto

I sottoscritti chiedono di interpellare i ministri dell'interno e di grazia e giustizia,

0per sapere

- premesso che:

il 20 agosto 1998 il quotidiano la Gazzetta di Caserta ha pubblicato una lettera firmata da "Schiavone Francesco", che contiene deliranti affermazioni e minacce di vendetta nei confronti di organi di stampa e di un parlamentare, chiaramente identificabile con il senatore Lorenzo Diana, componente dell'Ufficio di presidenza della Commissione antimafia;

l'autore della missiva è il noto camorrista soprannominato "Sandokan", da poche settimane assicurato alla giustizia dopo cinque anni di latitanza, considerato uno dei più pericolosi delinquenti italiani;

tale lettera risulta inviata il 13 agosto 1998 dal carcere di Ascoli Piceno, con il visto di censura rilasciato dall'amministrazione penitenziaria;

come sia potuto accadere che un detenuto sottoposto all'articolo 41-bis e dalla notoria estrema pericolosità dello Schiavone, abbia potuto comunicare le sue minacce e intimidazioni ad un organo di stampa;

quali effettive misure di vigilanza e controllo siano adottate nel carcere di Ascoli Piceno nei confronti dei 51 delinquenti - tra i quali Salvatore Riina - ivi detenuti ai sensi dell'articolo 41-bis;

quali misure intenda assumere il Governo per accertare e sanzionare ogni responsabilità per quanto è accaduto, e per evitare che un fatto del genere possa ripetersi in futuro. (2-01362)