Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1993 09 02 * XI legislatura * Camera, Interrogazione a risposta orale - senza risposta * BONINO Emma - Federalista europeo-Radicali

Legislatura: XI

Ramo: Camera

Tipo Atto: INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

Numero atto: 3/01360

Data presentazione: 02-09-1993

Seduta di presentazione: 234

PRESENTATORE : BONINO Emma, CICCIOMESSERE Roberto, PANNELLA Marco, RAPAGNA' Pio, TARADASH Marco, VITO Elio (FEDER.EUROPEO PR (FED-EUR)

STATO ITER : Iter in corso

DESTINATARI : PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 02-09-1993, MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA 02-09-1993, MINISTERO DELL'INTERNO 02-09-1993

INTERLOCUTORIE : da PRES. CONSIGLIO a GIUSTIZIA il 15/09/93 tramite fonogramma

Testo dell'Atto

Al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri di grazia e giustizia e dell'interno. - Per sapere - premesso che: in data 20 agosto 1993, nel corso di una visita al carcere di Pianosa effettuata dalla prima degli interroganti, si è riscontrato che il carcere non presenta particolari problemi di sovraffollamento mentre i detenuti sono sottoposti a misure di grande severità, in base all'articolo 41-bis del regolamento penitenziario: due ore d'aria, un solo colloquio al mese con i familiari, grandi difficoltà nel rapporto con i legali che determina - a causa dei costi e dei tempi - una sostanziale negazione del diritto alla difesa. Ai detenuti è impedita la corrispondenza con reclusi di altri istituti e non se ne comprende la ragione visti i controlli effettuati sulla corrispondenza stessa. Uno degli aspetti più gravi è costituito dai detenuti in attesa di giudizio: c'è chi vive "il regime di Pianosa" mentre il procedimento penale è ancora nella fase preliminare ed in alcuni casi pur essendo incensurato;

la presenza di circa 110 detenuti sottoposti al regime previsto dall'articolo 41-bis comporta a tutta la struttura, a tutti i detenuti, al personale ed agli operatori gravi disagi e molte difficoltà, oltre che la stessa impossibilità di ospitare altri detenuti "comuni";

sulla situazione nel carcere di Pianosa e sull'applicazione dell'articolo 41-bis è stata già presentata l'interpellanza n.

2-00267 del 5 ottobre 1992, alla quale il Governo non ha sinora fornito risposta -: se non ritengano che l'articolo 41-bis del regolamento penitenziario contenga norme che - anche per la frequente genericità nella loro applicazione e per l'impossibilità di appellarsi - violano le garanzie dello Stato di diritto e pertanto vadano abolite;

per quali ragioni e necessità queste norme sono state recentemente prorogate per altri sei mesi;

quali iniziative urgenti si intendano comunque adottare per ridurre nel carcere di Pianosa i disagi e le difficoltà derivanti dalla presenza di numerosi detenuti sottoposti all'articolo 41-bis.

(3-01360)