Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1994 09 08 * XII legislatura * Camera, Interrogazione a risposta scritta - concluso * VIGEVANO Paolo - Federalista europeo-Radicali

Ramo: Camera

Tipo Atto: INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Numero atto: 4/02960

Data presentazione: 08-09-1994

Seduta di presentazione: 51

PRESENTATORE : VIGEVANO Paolo, BONINO Emma, TARADASH Marco, VITO Elio, CALDERISI Giuseppe, STRIK LIEVERS Lorenzo FORZA ITALIA (F-ITA)

STATO ITER : Iter concluso

DESTINATARI : MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA 08-09-1994

RISPOSTA DEL GOVERNO: 08-05-1995

ITER CONCLUSO: 19-05-1995

RISPOSTA GOVERNO: MANCUSO Filippo GIUSTIZIA (MIN.)

Testo dell'Atto

Al Ministro di grazia e giustizia.

- Per sapere

- premesso che:

in data 30 luglio 1994 il detenuto Marco Medda è stato trasferito dal carcere di Pianosa (in cui era ristretto in regime di articolo 41-bis del codice penale) al centro clinico del carcere di Pisa per essere operato di un granuloma in zona "maxillo-facciale";

l'intervento è stato eseguito il 3 agosto 1994 senza che prima venisse effettuato un check-up per stabilire le condizioni generali del detenuto;

subito dopo l'intervento chirurgico il personale medico ha richiesto l'esame istologico per stabilire la reale natura del granuloma;

ad oggi non risulta che i risultati dell'esame istologico siano stati comunicati neanche alla famiglia;

in data 16 agosto 1994, il detenuto Marco Medda risultava già essere ritrasferito al carcere di Pianosa -: se ritenga che le condizioni di detenzione nel carcere di Pianosa, a tutti noto, siano compatibili con la necessaria convalescenza conseguente ad un intervento chirurgico di tale gravità;

se presso il carcere di Pianosa sia possibile prestare tutta l'assistenza ed effettuare le analisi eventualmente necessarie per l'accertamento della reale portata del male prima e le cure conseguenti poi;

se in questa occasione siano stati rispettati tutti i diritti costituzionali del cittadino, primo fra tutti il diritto alla salute ed a ricevere le cure necessarie ed opportune;

se non ritenga opportuno che la famiglia venga al più presto informata sul risultato dell'esame istologico. (4-02960)

RISPOSTA DEL GOVERNO

Con riferimento all'interrogazione in oggetto, si rappresenta quanto segue. Il detenuto Medda Marco, nato a Cagliari l'11.10.1947, condannato alla pena dell'ergastolo per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidio aggravato, sequestro di persona ed altro, nonché imputato per concorso in triplice omicidio aggravato, ricettazione detenzione di armi, a disposizione del Giudice per le Indagini Preliminari di Bologna, affiliato alla organizzazione criminale di stampo camorristico denominata "N.C.O.", risulta sottoposto, con provvedimento datato 4 febbraio 1995, al regime carcerario di cui all'articolo 41 bis comma 2 dell'Ordinamento Penitenziario, ed è per tali motivi assegnato alla Casa di reclusione di Pianosa, sezione Agrippa. Per quanto concerne le sue condizioni di salute, si comunica che il Medda dal 31 luglio al 18 agosto dello scorso anno è stato ricoverato presso il Centro Diagnostico terapeutico annesso alla casa Circondariale di Pisa, dove è stato sottoposto ad adeguate cure sanitarie e ad intervento chirurgico maxillo-facciale (Odontoma). Dalla relativa cartella clinica risulta quanto segue: eseguiti esami di routine in preparazione all'intervento chirurgico (prelievi ematochimici, elettrocardiogramma, radiografia del torace e dei seni paranasali);

sottoposto il 3 agosto 1994 ad intervento chirurgico di exeresi in anestesia locale;

decorso postoperatorio regolare. Non risulta essere stato eseguito l'esame istologico, in considerazione dell'assenza di rischi di degenerazione maligna nel tipo di neoformazione cui risultava essere affetto il Medda. Questi, il 12 agosto 1994, è stato trasferito da Pisa alla Casa di reclusione di Pianosa, da cui è rientrato a Bologna il 6 settembre 1994. La Direzione di quest'ultimo Istituto, presso il quale il Medda trovasi attualmente ancora ristretto per motivi di giustizia, ha infine comunicato che il detenuto non ha presentato problemi clinici in riferimento all'intervento chirurgico eseguito, e che lo stesso gode di buona salute. Il Ministro di grazia e giustizia: Mancuso.