Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1997 05 14 * XIII legislatura * Camera, Interrogazione a risposta scritta - senza risposta * PECORARO SCANIO Alfonso - MISTO (verdi)

Ramo: Camera

Tipo Atto: INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Numero atto: 4/09928

Data presentazione: 14-05-1997

Seduta di presentazione: 193

PRESENTATORE : PECORARO SCANIO Alfonso (MISTO)

STATO ITER : Iter in corso

DESTINATARI : MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA 14-05-1997

Testo dell'Atto

Al Ministro di grazia e giustizia.

- Per sapere

- premesso che:

il signor Rosario Giugliano, detenuto da sei anni presso il carcere di Secondigliano, ha scelto la strada della dissociazione dalla camorra prima ancora di venire sottoposto (sono già due anni) al regime del cosiddetto articolo 41-bis;

il citato Giugliano rappresenta uno dei tanti dissociati che, pur avendo confessato i propri delitti e pur non diventando collaboratori di giustizia, non ricevono protezione e proprio per questo subiscono, come nel caso del detenuto citato, aggressioni o altri tipi di ritorsione anche durante i momenti della traduzione dal carcere nelle aule giudiziarie;

per sensibilizzare sul problema che riguarda lui e tanti altri dissociati il Giugliano ha inviato, lo scorso febbraio, una lettera a Maurizio Costanzo che risulta bloccata da allora per il previsto controllo di censura e inviata all'autorità giudiziaria;

risulta che di tale lettera nemmeno l'avvocato del signor Giugliano abbia più notizia -: se sia a conoscenza di quanto esposto in premessa;

quale sia stata la destinazione della citata lettera e come mai non sia consentito neanche all'avvocato difensore di averne notizia. (4-09928)