Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1998 09 17 * Senato, interpellanza orale - Jas GAWRONSKI, Forza Italia

Legislatura: XIII
Ramo: Senato
Tipo Atto: INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE
Numero atto: 3/02247
Data presentazione: 17-09-1998
Seduta di presentazione: 446
Presentatore: GAWRONSKI Jas FORZA ITALIA (F-ITA)
Cofirmatari: SCOPELLITI Francesca FORZA ITALIA (F-ITA); PERA Marcello FORZA ITALIA (F-ITA)
Stato Iter: Iter concluso
Destinatari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 17-09-1998
MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI 17-09-1998
MINISTERO CON L'INCARICO PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO 17-09-1998
Interlocutorie: da PRES. CONSIGLIO a ESTERI il 06/10/98 tramite lettera
Fasi Iter: RISPOSTA DEL GOVERNO, 15-01-1999
ITER CONCLUSO 15-01-1999
Partecipanti
RISPOSTA GOVERNO MARTELLI Valentino ESTERI 15-01-1999
REPLICA GAWRONSKI Jas F-ITA 15-01-1999

- Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro degli affari esteri e per gli italiani all'estero.

- Premesso:

che da un rapporto preliminare delle Nazioni Unite sulla coltivazione di papavero da oppio in Afghanistan risulterebbe un aumento della produzione rispetto al 1997; che i distretti in cui si coltivava oppio erano 55 nel 1994, mentre ora sarebbero 74, estesi in 15 province: ciò significherebbe che l'Afghanistan produce il 50 per cento del prodotto mondiale e l'80 per cento di quello europeo;

che Giuseppe Arlacchi, ex senatore dell'Ulivo, nominato direttore dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e della criminalità, si era accordato con i Talebani per estirpare entro dieci anni le piantagioni di oppio in cambio di 400 miliardi di lire;

che pare che questa iniziativa di Arlacchi non abbia ottenuto risultati e che nessuno degli afgani intervistati da coloro che hanno steso il rapporto delle Nazioni Unite sapesse di un divieto alla coltivazione di oppio;

che il Governo italiano si è impegnato il 5 maggio 1998, in sede di approvazione delle mozioni contro la discriminazione delle donne operata in Afghanistan dal regime dei Talebani, a "impedire che l'eventuale accordo dell'UNDCP con i Talebani porti ad una loro legittimazione e ad un indiretto finanziamento della loro guerriglia",

si chiede di sapere:

se al Governo risultino fondate tali notizie;

che cosa il Governo italiano intenda fare affinchè il direttore dell'UNDCP si astenga da simili iniziative;

se il Governo abbia provveduto ad attuare ciò che si è impegnato a fare in Senato il 5 maggio 1998.

(3-02247)