Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2001 06 17 * La Repubblica * Italia, libro aperto per le tecnospie * E. Pier.

http://www.repubblica.it/quotidiano/repubblica/20010621/esteri/12spinax.html

 

 

Pagina 12

Italia, libro aperto per le tecnospie

Negli Usa le aziende criptano anche le email interne

 

ROMA - Ogni vostra email equivale alla spedizione di una lettera aperta. Chiunque è in grado di leggerla. Senza sforzo, probabilmente senza nemmeno compiere un atto illegale. Sta lì, è a disposizione di tutti. Di Echelon, soprattutto. Ma la diffusione delle notizie riguardanti l'efficienza del sistema di spionaggio elettronico americano, che dopo aver agito in piena guerra fredda a livello militare ha spostato il suo raggio d'azione al livello di spionaggio industriale, ha acceso la spia rossa dell'allarme.

Così aziende e governi hanno deciso di dotarsi di sistemi di criptaggio sempre più sofisticati. Una società americana, la "Verysign", ha messo sul mercato una tecnologia in grado di dotare di chiavi di sicurezza le comunicazioni del computer e, in futuro, anche dei telefonini che attraverso la rete Umts potranno ñ ad esempio ñ acquistare azioni in Borsa, spostare conti correnti bancari, allestire corrispondenze fra aziende. In questo caso, l'identificazione del'interlocutore diventa indispensabile se non si vuole incorrere in spiacevoli incidenti ñ leggi truffe ñ elettroniche.

Non solo le email possono essere lette, ma anche modificate. Si capisce dunque perché company come la Ford o la General Motors, Kodak o Ibm, abbiano ormai da tempo,a partire dal 1997, avviato procedure di criptaggio interne piuttosto efficienti. In pratica il sistema è lo stesso applicato per rendere sicure le carte di credito usato per acquistare va Internet. Attraverso l'uso degli algoritmi, le comunicazioni vengono scomposte al momento in cui partono e ricomposte al loro arrivo. Ma soltanto chi ha la chiave fornita dall'azienda produttrice del software può aprire e leggere.

In Italia siamo ancora indietro. La protezione di Internet e dunque delle carte di credito è abbastanza avanti. Molte le banche che si sono protette, la Ericsson, compagnie di assicurazione come Winterthur, le Poste Italiane. Ma per quanto riguarda la protezione delle email l'Italia non ha praticamente ancora cominciato. Le informazioni riservate delle aziende, ma anche dei ministeri e di gran parte degli uffici della pubblica amministrazione sono alla portata di chiunque.

Si capisce come questo rappresenti un nuovo mercato sul quale intervenire. Una società tedesca sta sperimentando un nuovo tipo di cellulare, il "Krypto Handy", capace di sbarrare la strada anche a Echelon. Basta premere un tasto prima di comporre il numero di chi si vuole chiamare ed ecco che la trasmissione dati avviene in forma criptata. I tecnici della RohdeSchwartz, la società che ha inventato il cellulare antiEchelon, sostengono che per entrare nel codice non basterebbe il lavoro di dieci anni effettuato da mille personal computer. Il costo per ora è piuttosto elevato, intorno ai sei milioni di lire. Ma dalla sua, il cellulare antiEchelon ha non solo la garanzia della sicurezza che diversi top manager pretendono per le loro conversazioni d'affari, ma anche un certo appeal di tendenza. Diventerà un nuovo statussymbol?
(e.pier.)