Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2003 10 24 * La Repubblica * Detenuto muore d' infarto scoppia la polemica Era già molto malato

PALERMO - Pietro Sinatra era tornato in carcere un anno fa, negli ultimi tre mesi aveva avuto due principi di infarto: sapeva di non poter usufruire di sconti né permessi, aveva chiesto ai giudici di valutare le sue condizioni di salute. Gli era stata concessa un' udienza, per il 16 gennaio 2004. Martedì mattina, Sinatra, che aveva 61 anni, è stato sorpreso da un altro attacco al cuore, che gli è stato fatale. «Presenteremo un esposto alla Procura - dice il legale di Sinatra, l' avvocato Giovanni Castronovo - chiediamo di verificare se ci siano state omissioni da parte dei medici dell'amministrazione penitenziaria». Sul caso interviene pure Maurizio Turco, presidente degli europarlamentari radicali: «Anche i cittadini detenuti hanno il diritto alla salute, tutelato dalla Costituzione, eppure molto spesso non è così».