Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2008 03 17 * La Gazzetta di Mantova * Radicale nella lista del Pd Turco si presenta agli elettori * Valeria Dalcore

«I nodi che vengono al pettine oggi sono quelli per cui avevamo lanciato l’allarme anni fa: siamo qui per dire che la lotta continua, e che lavoriamo per la democrazia». Così Maurizio Turco, presidente della Commissione attività produttive della Camera dei deputati, ha inquadrato ieri nella sede della Circoscrizione Centro la propria candidatura alla Camera dei deputati nel collegio Lombardia 3, che comprende Pavia, Lodi, Cremona e Mantova. E fa riferimento ai grandi temi attorno ai quali ruota il programma del Partito democratico: la sicurezza, la giustizia, la lotta alla precarietà e il risollevamento dell’economia nazionale. E va oltre, in qualità di rappresentante dei Radicali, scomparsi come simbolo nella coalizione ma, come ha affermato Emma Bonino ‘di certo non clandestini politici’: «Il nostro obiettivo prioritario resta la sconfitta di Berlusconi, ma ancor più la lotta alla reale e attuale contrapposizione tra garantiti e non garantiti» ha aggiunto. Una discrepanza sociale che si articola nel precariato e attorno ai temi della legalità.
«La precarietà non deve essere e diventare il fondamento dell’esistenza delle future generazioni - aggiunge Turco - e contemporaneamente, i dieci milioni di processi che ora attendono una conclusione, cinque dei quali di carattere civile ed economico, sono un pauroso freno di crescita e sviluppo per il paese». Mentre si pone anche il problema di rappresentazione e reale rappresentatività di diritti sociali, Turco ricorda anche l’importanza dei referendum, e lo stampo liberale che contraddistingue la presenza dei radicali tra le fila del Partito democratico. Tra i suoi obiettivi anche la sburocratizzazione dei processi istituzionali e giuridici, e il raggiungimento di un sistema elettorale francese, con collegi uninominali. Infine ha espresso qualche parola di sostegno per l’escluso Gianfranco Burchiellaro: «Mi auguro che l’esperienza e la dedizione che in questi anni l’onorevole Burchiellaro ha dimostrato di applicare trovino ancora posto e partecipazione all’interno di un partito di tipo democratico».