Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2013 02 01 * L'Opinione * Mps: Gotti Tedeschi convocato in procura a Siena * Dimitri Buffa

Adesso tocca ai venditori di Antonveneta. Ettore Gotti Tedeschi, membro della Cassa depositi e prestiti, già a capo dello Ior e in seguito defenestrato dalle gerarchie vaticane, a suo dire perché voleva fare pulizia, ieri ha passato un brutto quarto d`ora in procura a Siena come persona informata dei fatti sulla vendita della Antonveneta da parte della banca spagnola Santander a Montepaschi con la notoria sovrastima di oltre 3 miliardi di euro. Gotti Tedeschi sarebbe stato il mallevadore dell`affare degli spagnoli ai danni della banca senese proprio mentre già sedeva nel board della Cassa depositi e prestiti. Che è partecipata da Mps. Inoltre Gotti Tedeschi ha avuto problemi con lo Ior, banca di uno stato estero, per via di quei 23 milioni di euro sequestrati dalla procura di Roma in un agenzia di una banca italiana sospettandoli provento del riciclaggio. Tuttavia queste noie non hanno impedito a suo tempo al ministro Tremonti a riconfermarlo nella Cassa depositi e prestiti. E nel contempo Gotti Tedeschi portava a termine l`affare, per la banca spagnola Santander non per il Mps che partecipa la Cassa depositi e prestiti, Antonveneta. Un conflitto di interessi da fare impallidire quello di Berlusconi che invece sembra in Italia essere l`unico a finire in prima pagina. Nonché un caso nel caso, svelato l`altro ieri dal radicale Maurizio Turco davanti alle commissioni Finanze di Camera e Senato riunite per ascoltare cosa avesse da dire su tutta la vicenda il ministro Grilli.

Quest`ultimo, dopo essere impallidito, ha fatto praticamente finta di non sentire la domanda di Turco. Ma in procura a Siena evidentemente Radio Radicale viene ascoltata con attenzione se è vero come è vero che ieri Gotti Tedeschi è stato convocato a sorpresa. Inutile dire che la domanda di Turco è stata l`unica a rimanere inevasa in quel consesso.

Secondo Turco, i conflitti di interesse di Gotti Tedeschi sarebbero evidenti. E questo apre un altro capitolo da leggere con una lente molto grande su tutta la compravendita di Antonveneta. Di quali conflitti di interesse Turco accusa Gotti Tedeschi? Prendiamo le parole di Turco in aula che si dividono in quattro punti:

«1) Ettore Gotti Tedeschi, dal 1993 è nel gruppo Banco Santander, con - tra gli altri - i ruoli di consigliere del Presidente, rappresentante per l`Italia (senior country manager), presidente di Santander Consumer Bank e rappresentante della banca nel Patto di Sindacato, nel consiglio di amministrazione e nel comitato esecutivo del San Paolo di Torino;

2) fino al 2007, quando il Banco Santander realizzava 4 miliardi di plusvalenza vendendo al Monte Paschi Siena la banca Antonveneta che aveva acquisito appena due mesi prima, Ettore Gotti Tedeschi era membro nominato nel 2004 dal Ministro dell`Economia e delle Finanze del Consiglio di Amministrazione della Cassa depositi e prestiti partecipata dal Ministero dell`Economia e delle Finanze e, tra gli altri, dalla Fondazione Monte Paschi Siena vigilata dal Ministero dell`Economia e delle Finanze;

3) nel 2009, dopo l`avvenuta vendita di Antonveneta a Montepaschi con quel sovrappiù che ha determinato un`inchiesta penale, il Ministro dell`Economia e delle Finanza nomina nuovamente Ettore Gotti Tedeschi a membro del cda della Cassa depositi e prestiti, di cui è a tutt`oggi membro. La Cdp a sua volta lo nomina membro del cda del fondo F2i dal quale è eletto nel maggio 2009 Presidente, carica che ricopre a tutt`oggi. Il Fondo F2i, per chi non lo sappia, è partecipato da Blis - Banca infrastrutture innovazione e sviluppo, del gruppo Intesa Sanpaolo (del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo del San Paolo di Torino fa parte ... Ettore Gotti Tedeschi); dalla stessa Cassa depositi e prestiti; da Merrill Lynch Infrastrutture Holding S.a.r.l. (Gruppo Bank of America); da Unicredit Group; dalle Fondazioni bancarie italiane, Cariplo, Cassa di risparmio di Torino, Cassa di risparmio di Cuneo, Cassa di risparmio di Lucca, Cassa di risparmio di Padova e Rovigo e Cassa di risparmio di Forlì; dalle Casse di previdenza, Inarcassa (cassa nazionale di previdenza e assistenza per gli ingegneri e architetti liberi professionisti) e Cipag (Cassa di previdenza e assistenza dei geometri liberi professionisti).

4) Nello stesso periodo - dal 23 settembre 2009 al 24 maggio 2012 - è stato presidente dello IOR, Istituto per le opere di religione, istituzione finanziaria di uno stato estero».

Ecco, uno così che sta nei cda di chi vende e di chi compra ha attirato i sospetti della procura che ieri lo ha sentito come testimone, almeno per ora, di una compravendita che ha messo in ginocchio il Mps e che sta comportando un bell`esborso di denaro pubblico per metterci una pezza. Tanto che forse si arriverà alla nazionalizzazione dell`istituto senese. Ci si chiede però come mai le stesse circostanze che determinano una convocazione in procura di Ettore Gotti Tedeschi non abbiano meritato una risposta pubblica da parte del ministro Grilli l`altro giorno in aula quando il radicale Turco gli ha chiesto conto di questa storia.

Se poi volessimo dirla tutta, ci si potrebbe chiedere anche che senso avesse l`avere tenuto al vertice delle istituzioni bancarie italiane un banchiere che, contemporaneamente, non solo lavorava per una banca spagnola, in posizione di altissimo livello, ma era anche stato nominato dal Vaticano a dirigere lo Ior in un momento in cui quell`istituto era (come ancora oggi, ndr) al centro di inchieste e polemiche sul riciclaggio dei soldi sporchi anche della mafia.