Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

comunicati stampa

2019 05 07 * AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE : IL PARTITO RADICALE NON SI PRESENTA ALLE ELEZIONI E I SUOI DIRIGENTI NON SONO CANDIDATI IN ALCUNA LISTA. L’ESCLUSIONE NON E' IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SULLA PAR CONDICIO MA IL PROSEGUIMENTO DELLA CENSURA NEI CONFRONTI DEL PARTITO RADICALE E DEI SUOI DIRIGENTI.

Roma, 7 maggio 2019 - Dichiarazione di Maurizio Turco, rappresentante legale del Partito Radicale:

Il Partito Radicale è un soggetto politico che per Statuto non si presenta alle elezioni e nessun dirigente radicale è candidato in alcuna lista.

Questo per ribadire che la legge sulla par condicio non si applica nei confronti del Partito Radicale e dei suoi dirigenti.

E per rimarcare che la mancanza di informazione sul Partito Radicale e sui suoi dirigenti non è da considerarsi una interruzione del flusso informativo nel periodo elettorale, ma una prosecuzione della conventio ad excludendum nei confronti del Partito Radicale e dei suoi dirigenti.

Accanimento censorio che si accompagna ad una informazione volutamente distorta volta a voler confondere il “Partito Radicale” con altre organizzazioni, con il risultato che le iniziative del Partito Radicale vanno a beneficio di altri soggetti, e le maldestre iniziative di queste ultime siano a discapito del Partito Radicale e dei suoi dirigenti.

Noi continueremo a rivolgerci all’AgCom, se necessario a ricorrere al TAR e al Consiglio di Stato e quindi alla Corte Europea dei diritti dell’Uomo, presso la quale pende dal 2013 un ricorso su fatti relativi agli anni precedenti.”