Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2000 12 21 * echelon - Sulle dichiarazioni del Ministro Frattini: Costretti dal passato e in parte dal presente a non vedere, non sentire e non parlare

1. Ammettere che la tecnologia consente di effettuare delle intercettazioni di massa e di selezionarle attraverso un motore di ricerca non è bieco antiamericanismo. Peraltro, c'è almeno un paese europeo che ha questa tecnologia e la usa per intercettare le telefonate provenienti dall'estero, rispettando quindi la legge del proprio paese. Questo è stato affermato da un responsabile dei servizi segreti di un paese europeo in una seduta a porte chiuse della Commissione su Echelon del Parlamento europeo.
2. Se le Commissioni parlamentari italiana, belga e del parlamento europeo non hanno poteri di indagine non è dovuto al fato ma ad una chiara scelta politica.
3. Le commissioni parlamentari belga e francese non sono arrivati a conclusioni "diverse nel dispositivo ma identiche nelle conclusioni". Tant'è che nella conclusione della Commissione francese c'è scritto " Oui, il existe bien un vaste système d'interception et de traitement des informations nommé Echelon. Il est organisé en réseau. Il s'agit d'ailleurs du seul système multinational connu".
4. Frattini cita "il libro dello scrittore neozelandese (Nicky Hager) che aveva raccontato nel 1996 ... un sistema che è nei fatti smentito dagli accertamenti".

Quali accertamenti? E' stato ascoltato David Lange, primo ministro della Nuova Zelanda dal 1984 al 1989 (che peraltro ha scritto la prefazione al libro citato)? O il Ministro della difesa danese Hans Hækkerup? O il Ministro della Giustizia della Repubblica francese Elisabeth Guigou? O Zbigniev Brzezinsky, consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente Jimmy Carter? O James Woolsey, ex direttore della CIA?
La partita che si sta giocando su "echelon" non è tra filo ed anti americani come vorrebbe far credere Frattini. Infatti, le intercettazioni di massa sono contro tutte le legislazioni dei paesi democratici, Stati Uniti d'America inclusi. Se servizi o poteri, abusando del proprio potere, hanno infranto le leggi del proprio paese sta alla giustizia di quel paese fare opera di verità. Se hanno infranto la sicurezza nazionale di altri paesi saranno questi paesi a dover agire.
Su "echelon" conviene non sapere, non vedere e non parlare. Conviene a tutti quei paesi che hanno potuto usufruire di informazioni e non le hanno volute utilizzare o le hanno utilizzate contro la legge.
Conviene a tutti quei paesi le cui imprese di stato che partecipavano ai grandi appalti internazionali cercavano di battere la concorrenza (soprattutto americana) con la corruzione.
Conviene, infine, a tutti quei paesi che usano gli stessi sistemi.