Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2007 09 23 * CASO ITALIA * SCHEDE RITROVATE. TURCO: I CASSONETTI DELLA MONNEZZA DELL'OLIMPICO SPRIGIONANO UN PUZZO CHE RIVITALIZZA IL REGIME

"Se il ritrovamento di alcuni scatoloni contenenti schede elettorali votate relative alle elezioni del 2001 è di per se un fatto grave, le circostanze del ritrovamento lo sono ancora di più. Sono infatti trascorsi sei anni e delle due l'una, o quei cassonetti non stato stati mai controllati o svuotati, oppure quelle schede sono state depositate appositamente. Se la seconda ipotesi è quella più attendibile non v'è dubbio che siamo in presenza di una strategia ben nota.
E' quindi logico e dovuto che il Ministro dell'Interno debba venire a riferire in aula per meglio comprendere la dinamica dei fatti.

Così come è indispensabile che prima di qualsiasi riforma del sistema sia necessario rivedere radicalmente la legislazione elettorale di contorno che va dalla presentazione delle liste (è lunga la tradizione di liste presentate con firme false a cui non è mai seguita una sanzione), all'uso dei sondaggi e alla tenuta della campagna elettorale (con le ripetute violazioni del diritto dei cittadini ad una informazione completa e imparziale, che va oltre la stesse campagne), alla formazione dei seggi (i cui membri erano sorteggiati e dalle ultime elezioni sono nuovamente nominati dai partiti), allo svolgimento dello scrutinio, alla pubblicizzazione dei primi dati elettorali, alla proclamazione degli eletti, ai costi e al finanziamento.

Il cassonetto della mondezza dell'Olimpico sprigiona un puzzo che rivitalizza il regime, pronto a rinviare sine die la necessaria ed urgente riforma del sistema, della giustizia, dell'economia.
Le oligarchie di regime sono ormai interessate ad andare al più presto alle urne con le attuali (o di poco modificate) leggi elettorali, di sistema e di contorno. 
Possono così dare in pasto ai demagoghi il risparmio sulle pensioni dei deputati tacendo che portano a casa il finanziamento pubblico ai partiti per altri cinque anni.
Berlusconi è già pronto e fra poco lo sarà anche Veltroni."