Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2010 08 29 * Simonia * Bagnasco prima tolga la trave dal proprio occhio per vederci bene e poi può provare a togliere la pagliuzza dall'occhio degli altri

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato radicale, presidente di anticlericale.net:

Alle parole del Presidente della Conferenza episcopale italiana il quale auspica la presenza di "una nuova classe politica, cristiana nei fatti e non solo nelle parole" vorremmo aggiungere il nostro modesto e sommesso auspicio che la coerenza cristiana nei fatti e non solo nella parole valga anche e soprattutto per la classe religiosa, anche e soprattutto cattolica, anche e soprattutto per le sue gerarchie, vaticane ed italiane.

A fronte della crisi economica sulla quale, potendo Egli disporre pienamente dei mezzi di informazione pubblici e privati, conosciamo le alte preoccupazioni del Cardinale Bagnasco, non abbiamo sentito che abbia rinunciato a uno zero virgola qualcosa dell'otto per mille per alleviare le sofferenze dell'amato popolo italiano. E nemmeno che auspicava che Propaganda Fide restituisse allo Stato italiano i due milioni di euro per le opere non realizzate. E l'elenco potrebbe non finire...

Non vorremmo essere noi a fare la morale al Cardinale ma è un dato oggettivo che con una trave nell'occhio è ben difficile guardare bene per poter togliere la pagliuzza nell'occhio dell'altro. Né chiediamo per una qualche coerenza che scacci i mercanti dal tempio ma è intollerabile che si pretenda di avere il diritto di fare mercato nel Tempio in nome di una - evidentemente malintesa - libertà religiosa."