Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

2011 11 28 * Vaticano-Ior - Turco: il Consiglio d'Europa si appresta a violare la propria legalità pur di riconoscere allo Ior di rispondere alle norme internazionali antiriciclaggio

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato Radicale:
Dopo una settimana a Roma, in Vaticano, sono tornati a Strasburgo i valutatori di Moneyval, il Comitato del Consiglio d'Europa che garantisce agli stati membri di aver "istituito un sistema efficace per contrastare il riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo e rispettare le pertinenti norme internazionali in questo settore."
In altre parole dovranno in stabilire se lo IOR potrà continuare a impazzare sui mercati finanziari non più con la bandiera pirata ma con quella della comunità internazionale.
Se i valutatori di Moneyval sono venuti vuol dire che non sapevano cos'è il Vaticano, ma non hanno bisogno di tornare a Roma per saperlo, possono andare sul sito dello Stato Città del Vaticano e apprendere che "La forma di governo è la monarchia assoluta. Capo dello Stato è il Sommo Pontefice, che ha la pienezza dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziario."
E la legge approvata dal monarca assoluto ha in effetti per titolo "Legge concernente la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio dei proventi di attività criminose e del finanziamento del terrorismo."
Sennonché le strutture indipendenti di controllo sono in realtà strutture dipendenti dal monarca assoluto i cui membri il monarca assoluto nomina e rimuove a suo piacimento. E nel caso vi fosse un nuovo Marcinkus secondo la nuova legge vaticana antiriciclaggio verrebbe punito severamente. Veramente? Sarà un caso ma anche i Giudici in Vaticano li nomina e li rimuove a suo piacimento il monarca assoluto. E che monarca assoluto sarebbe se non potesse come può "In qualunque causa civile o penale ed in qualsiasi stadio della medesima (...) deferirne l’istruttoria e la decisione ad una particolare istanza, anche con facoltà di pronunciare secondo equità e con esclusione di qualsiasi ulteriore gravame."?
Non si adonteranno certo i valutatori di Moneyval, i membri dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, il Comitato dei Ministri, il Commissario per i diritti umani se affermiamo che tutto questo circo è in aperto e deciso contrasto con l'obiettivo del Consiglio d'Europa di "favorire la creazione di uno spazio democratico e giuridico comune in Europa, nel rispetto della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo e di altri testi di riferimento relativi alla tutela dell’individuo.