Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

1995 09 01 * XII legislatura * Camera, Interrogazione a risposta scritta - senza risposta * VIGEVANO Paolo - Federalista europeo-Radicali

Ramo: Camera

Tipo Atto: INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Numero atto: 4/13011

Data presentazione: 01-09-1995

Seduta di presentazione: 233

PRESENTATORE : VIGEVANO Paolo, CALDERISI Giuseppe, STRIK LIEVERS Lorenzo, TARADASH Marco, VITO Elio (FORZA ITALIA)

STATO ITER : Iter in corso

DESTINATARI : MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA 01-09-1995

Testo dell'Atto

Al Ministro di grazia e giustizia. - Per sapere - premesso che: la notizia del caso di Carla Bruno, una bambina di 11 anni ammalata di leucemia, che chiede di poter incontrare fisicamente il padre Calcedonio Bruno di Mazzara del Vallo (TP), accusato di associazione mafiosa, detenuto nel carcere di Pianosa e sottoposto all'articolo 41-bis, è apparsa su tutti i giornali in data 23 agosto 1995;

la bambina non vede il padre dal settembre 1994, e da quando è sottoposto all'articolo 41-bis, non si reca ai colloqui per evitare lo choc del vetro divisorio che già in passato ha provocato a Carla un forte trauma con conseguente peggioramento dello stato di salute della bambina;

già in passato (1994), la madre di Carla ha scritto all'allora Ministro guardasigilli Giovanni Conso, che autorizzò un incontro tra la bambina ed il padre, senza il vetro divisorio, nel carcere di Voghera;

la prossima visita concessa a Carla Bruno è prevista per il 31 agosto 1995 e che in una relazione psicologica del dottor Leonardo Parrinello, psicologo collaboratore del servizio di psichiatria della USL n. 4 della regione Siciliana, si diagnostica che Carla è affetta da leucemia linfoblastica acuta. La situazione giudiziaria del padre che non le consente di averlo accanto o di abbracciarlo e toccarlo quando lo incontra in carcere, potrebbe determinare uno choc emotivo con gravi conseguenze -: quali iniziative il Ministro intenda immediatamente assumere perché l'esercizio di un diritto non si trasformi in un evento dannoso e sia di fatto pertanto precluso. (4-13011)